CONSERVAZIONE
INTONACI DI TRADIZIONE
APPARATI DECORATIVI IN STUCCO
DECORAZIONE DI INTERNI
CONSULENZA TECNICA
INTERVENTI REALIZZATI
CONSERVAZIONE E RESTAURO
MARMORINI NATURALI TRADIZIONALI
STUCCHI E ORNATI
DECORAZIONI DI INTERNI
CHI SIAMO
CONTATTI
ATTIVITA’ FORMATIVE
OPPORTUNITA’ LAVORATIVE
CREDITS
Uni.S.Ve.
Unione Stuccatori Veneziani

Nella tradizione veneziana lo stuccatore era l'artigiano che, lavorando a fianco dell'architetto, degli scal- pellini, pittori, falegnami, terrazzieri e tappezzieri, realizzava le decorazioni e le finiture di ogni edificio. Unione Stuccatori Veneziani nasce nel 2001 come l'unione di un gruppo di artigiani - stuccatori, discepoli del maestro veneziano Mario Fogliata, con l'intento di sostenere e mantenere viva questa professione quasi dimenticata. Da qui la scelta netta di utilizzare solo i materiali e le tecniche della tradizione, scartando qualsiasi prodotto di derivazione industriale e premiscelato, ma non rinunciando alla ricerca e sperimentazione su materiali e tecniche tradizionali.
Oggi Uni.S.Ve. Srl è organizzata in tre sezioni, con specializzazioni e operatori specifici: la sezione stucchi e intonaci di tradizione, la sezione conservazione e restauro, la sezione decorazione d'interni.

Lo Stucco
Intonaco di tradizione

Il marmorino ha origini antichissime, già conosciuto dai greci, è molto diffuso nell’antica Roma: ad esso si riferiscono Vitruvio e Plinio, quando parlano di “albarium opus”, cioè stucco, intonaco bianco.
Lo stucco forte o marmorino sono composti da una miscela variabile di calce aerea stagionata e polveri di marmo che nelle mani dello stuccatore prende forma per diventare una superficie levigata simile al marmo, dipinta ad affresco, con decorazioni, fregi e fasce a rilievo, con stucchi, cornici, lesene ed elementi architettonici o figurativi.
La conoscenza dell’arte dello stucco e delle tecniche tradizionali di esecuzione di intonaci di calce, di affreschi, di marmorini e di decorazioni e fregi a rilevo è necessaria per affrontare correttamente la manutenzione, il restauro e la conservazione del patrimonio storico artistico.

Conservazione
Principio minimo intervento

La strategia progettuale di un intervento di restauro basato sul criterio del “minimo intervento”, su un oggetto o un edificio, mira alla conservazione e al massimo mantenimento della struttura e dei materiali originali che lo definiscono: tale principio vuole “facilitare la lettura” del manufatto oggetto di intervento. La Carta del Restauro del 1972 all’art. 4 recita, “s’intende per restauro qualsiasi intervento volto a mantenere in efficienza, a facilitare la lettura e a trasmettere integralmente al futuro le opere”.
Quindi uno degli obiettivi del restauro conservativo è quello di far leggere, se possibile, l’opera nelle sue diverse forme e in tutta la sua complessità, per comprendere la storia e il valore di cui è portatrice. Oltre alla conservazione, l’obiettivo diventa quello di svelare la natura dell’oggetto nelle sue fasi storiche, mostrandone le stratificazioni e le trasformazioni.

Corso di Marmorino e Stucchi - AGGIORNATO
Un confronto tra tecniche tradizionali, nuovi materiali ed esigenze di mercato

Corso di Marmorino e Stucchi - AGGIORNATO

La Confartigianato Venezia insieme al Colorificio San Marco organizza un corso di formazione gratuito sul Marmorino e sullo stucco, realizzato grazie alla collaborazione tra soggetti istituzionali, un maestro stuccatore e imprese operanti nel settore: la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, il maestro Franco Fogliata, le ditte Arcadia Ricerche, Uni.S.Ve. e Colorificio San Marco. 

Il corso di formazione sarà presentato mercoledì 15 dicembre 2010 alle ore 17 presso la sede di Venezia della Confartigianato a San Lio, Castello 5653/4. 

Il corso si terrà a Venezia presso il Centro Culturale Don Orione Artigianelli a Dorsoduro 909/A, (Rio terà Foscarini), avrà una durata di 100 ore distribuite nei venerdì e sabato dal 21 gennaio fino al 14 maggio 2011 ed è aperto a studenti in materie artistiche, giovani architetti, conservatori, restauratori, artigiani decoratori e applicatori che desiderano conoscere ed imparare la tecnica della decorazione a fresco sul marmorino: il rilievo, la pittura, l'inciso e il graffito. Sono disponibili solo 20 posti e le domande di iscrizione vanno presentate entro il 12 gennaio 2011. 

 

L’intento formativo del corso è quello di accrescere nei partecipanti il livello delle competenze tecniche e della conoscenza sia teorica che pratica di questa lavorazione tradizionale veneziana, in modo da favorirne l’ingresso o il consolidamento nell’ambito dei settori edili, della decorazione, della manutenzione e del risanamento conservativo. La metodologia didattica sarà di tipo attivo: ai momenti teorici, necessari per trasferire le conoscenze di base, faranno seguito esercitazioni ed esempi di applicazioni, per favorire nei partecipanti lo sviluppo di competenze e abilità professionali.

Il corso, sarà tenuto dalle seguenti docenze:

per quanto concerne l’apprendimento delle tecniche applicative tradizionali, dal Maestro artigiano veneziano Franco Fogliata, assistito dallo stuccatore dell'Uni.S.Ve. Giorgio Berto;

per la conoscenza sulle metodologie e sui prodotti moderni-industriali, in un’ottica di confronto con la metodologia tradizionale, dai tecnici del Colorificio San Marco

per l'approfondimento della storia dell’arte dello stucco, anche con visite esterne in cantieri di restauro, dalla Dott.ssa Emanuela Zucchetta della Soprintendenza BAP di Venezia

per ciò che concerne la sicurezza in cantiere dall'Arch. Antonio Girello; 

per l'apprendimento delle basi della chimica nella calce e nel restauro dal Dott. Zeno Morabito della Arcadia Ricerche.

Le finalità, i contenuti e le tematiche del progetto sono stati condivisi con tutti soggetti istituzionali, privati e istituti di ricerca che collaborano alla realizzazione del corso.

Il corso è stato presentato con conferenza stampa il 3 dicembre dal Soprintendente arch. Renata Codello, dalla Presidentessa Alessandra Tamburini del Colorificio San Marco, dal maestro Franco Fogliata e altri. Al corso verrà data risonanza su scala nazionale anche attraverso il supporto di Confartigianato e la stampa specializzata.

 

Per il regolamento completo, la domanda di iscrizione e il programma del corso si rimanda al sito della Confartigianato Venezia.


 



Un momento della conferenza stampa con la Soprintendente Renata Codello



Il maestro stuccatore Franco Fogliata durante la conferenza Stampa a San Marco



La locandina del Corso


Torna indietro
  UNI.S.VE. S.r.l. - Unione Stuccatori Veneziani - PI 03802540272 - Dorsoduro 1149/A Venezia